PDF Stampa E-mail

 

Gli Istituti Vendite Giudiziarie sono regolati dal Decreto Ministeriale n. 109 dell’11 febbraio 1997. Ufficialmente la loro introduzione risale al 28/10/1940, momento in cui nasceva il vecchio codice di procedura civile. Gli Istituti Vendite Giudiziarie operano in virtù di Concessione Ministeriale, come previsto dall’art. 159 delle Disposizioni per l’attuazione del Codice di procedura civile: “Istituti autorizzati all’incanto e all’amministrazione dei beni”.

Gli Istituti ai quali possono essere affidate la vendita all’incanto dei beni mobili a norma dell’art. 534 del Codice o l’amministrazione giudiziaria dei beni immobili a norma dell’art. 592 del Codice sono autorizzati con decreto  del Ministro di Grazia e Giustizia.

Gli Istituti Vendite Giudiziarie sono soggetti privati autorizzati all’esercizio di un’attività che, pur rispondendo ai fini di un pubblico interesse, ha natura imprenditoriale in senso giuridico. I titolari degli II.VV.GG., siano essi persone fisiche o enti, assumono, nell’esercizio delle loro funzioni, gli obblighi e le responsabilità degli incaricati di un pubblico servizio in quanto ausiliari del giudice.

L’Istituto Vendite Giudiziarie di Melfi opera nell’ambito territoriale del Circondario del Tribunale di Melfi, per il quale è stata concessa autorizzazione dal Ministro della Giustizia.

 
Copyright © IVG Melfi
Designed by XOR Media